STUDIO DI PSICOLOGIA E PSICOTERAPIA A ROMA --VIA A. POERIO, 76/A - 00152---tel. 065898817 --tel. 065813381 --cell.3396063155 --
-- -- -- -- -- -- --

 

Disturbo post traumatico da stress

 

Il fattore scatenante del disturbo è un evento traumatico.

Una delle cause più frequenti è lo stupro (il 46% delle donne che lo hanno subito sviluppa il disturbo) poi disastri naturali, violenze di massa, incidenti, aggressioni.

Chi ha una di queste esperienze, nel 40 per cento dei casi sviluppa un vero Ptsd, in un altro 30 per cento manifesta solo alcuni sintomi comunque invalidanti; in un terzo dei casi il disturbo persiste due anni dopo il trauma.

In Italia la ricerca sul tema ha prodotto molti nuovi dati, derivati dallo studio delle vittime del terremoto de l ‘Aquila del 2009.

Si è scoperto che le donne sono a maggior rischio di Ptsd, così come gli adolescenti, che hanno un rischio circa doppio rispetto agli adulti.

E sono più in pericolo anche i non credenti, o coloro che hanno un sentimento religioso negativo e si sentono perciò abbandonati da Dio o vivono il trauma come una sorta di punizione divina.

Non tutte le vittime di un trauma sviluppano il PTSD.

Capita a chi vive l’evento con un senso di impotenza, con la sensazione di essere senza speranza, priva di aiuto, sentirsi privi di protezione è un elemento decisivo: non a caso, lo stupro è uno degli eventi che più spesso portano a PTSD, perché la vittima è di solito una donna giovane che si ritrova impotente in balia della violenza.

Sintomi: Il paziente continua per mesi o anni il trauma attraverso pensieri intrusivi o incubi; evita luoghi o situazioni che ricordino l’evento e presenta disturbi del sonno e dell’umore.

 

Copyright © 2011 eugeniacardilli.it